Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Cane e gatto: non sempre la convivenza è facile da gestire

I pericoli di una convivenza forzata tra cane e gatto ed i consigli per una corretta socializzazione

di Francesca

Far convivere cane e gatto non sempre è così semplice; analizziamo quali sono i problemi più rilevanti: 

- Se il cane ha un istinto territoriale molto accentuato, potrebbe non consentire al gatto di sostare nei suoi luoghi preferiti (cuccia, brandina, un'area del giardino o della casa) e di impossessarsi dei suoi giocattoli, agitandosi e manifestando dei segnali di possessività;
- Se il cane arriva in famiglia per ultimo, il gatto potrebbe diventare geloso dei suoi spazi, manifestando dei segnali di ostilità nei suo confronti;
- Se il gatto è l'ultimo arrivato in famiglia, il cane potrebbe diventare geloso delle molteplici attenzioni rivolte dal suo padrone al nuovo membro del branco;
- Chi tra i due mangia per primo acquista supremazia all'interno del branco, scatenando episodi di dominanza ed aggressività per la contesa del cibo;
- Se il cane vuole giocare con il gatto ma quest'ultimo ha paura, occorre fare molta attenzione poiché un gatto spaventato può essere molto pericoloso per Fido (per difendersi potrebbe graffiarlo negli occhi, provocandogli gravi lesioni);
- Il cane potrebbe ingerire ripetutamente le feci del gatto (coprofagia), che sono dannose per la sua salute;
- Cane e gatto potrebbero infestarsi a vicenda, qualora avessero dei parassiti (cutanei o intestinali);
- Se il cane contrae determinate malattie infettive potrebbe trasmetterle anche al gatto;
- Se il cane convive a stretto contatto con il gatto, bisognerà scegliere attentamente i prodotti antiparassitari da utilizzare, poiché alcuni di essi sono efficaci sul cane ma altamente tossici e a volte persino mortali per il gatto.

Cane e gatto
Ad ogni modo, se desiderate tenere in casa entrambi i pelosetti, l'ideale sarebbe prenderli quando sono in tenera età.
Come tutti i cuccioli, anche quelli di cane e di gatto hanno molto in comune: amano giocare, sono curiosi e poco diffidenti nei confronti del mondo che li circonda; se si conoscondo da cuccioli hanno quindi la possibilità di giocare insieme, dividendosi l'affetto e le attenzioni del loro padrone, e convivendo serenamente negli stessi luoghi.
Se il cane è ancora un cucciolo ed entra in contatto con un gatto per la prima volta, solitamente non manifesta nessun tipo di paura o aggressività, anzi! Il suo primo approccio sarà quello di invito al gioco, che ovviamente il gatto non comprenderà, poiché i segnali del cane sono completamente diversi da quelli che utilizza il gatto per comunicare. Ricordatevi di avere tanta pazienza, poiché solo con il tempo le due specie inizieranno a familiarizzare e a comprendere il linguaggio corporeo dell'altro.
Anche nel caso di cane e gatto che si incontrano da adulti è possibile creare una pacifica convivenza. Nessuna amicizia, però, nasce immediatamente; cane e gatto hanno personalità e psicologie diverse e la loro vita in comune potrà procedere nel migliore dei modi solo se verrà loro offerta l'opportunità di vivere nel rispetto delle reciproche differenze.
L'aspetto principale della socializzazione è la familiarità e l'esperienza, poiché sia il cane che il gatto propendono per una tranquilla convivenza.
Si deve procedere a piccoli passi: occorre lasciarli liberi di studiarsi, di smussare le reciproche differenze caratteriali; messi a stretto contatto nella stessa abitazione, cane e gatto cominceranno dapprima a dividersi il territorio, per poi avvicinarsi con cautela.
Per evitare possibili scontri o motivi di litigio, è opportuno predisporre spazi autonomi dove i due animali siano in grado di mangiare, bere e riposare in autonomia. I nostri amici dovranno avere ciotole distinte collocate a debita distanza, cucce e giacigli separati, giocattoli differenti.
Se il cane ha un'indole tranquilla sarà il gatto a compiere i primi approcci, mostrandosi disponibile.
Solitamente, se Fido non infastidisce il gatto, quest'ultimo difficilmente lo assalirà; possono verificarsi dei casi di aggressione nelle gatte che hanno partorito da poco e che attaccano per difendere la prole.

L'importante è non avere fretta, non forzare le cose ed evitare continui rimproveri: dopo un po' di tempo (di solito 6-7 mesi sono necessari) noterete dei cambiamenti sostanziali nel comportamento di entrambi e sarà una gioiosa scoperta ammirare come due specie così diverse possano "fondersi" l'una con l'altra, a volte anche imitandosi negli atteggiamenti!
Se dopo qualche mese non notate alcun miglioramento e pensate di non riuscire ad affrontare da soli le problematiche legate alla convivenza tra le due specie, potete rivolgervi ad uno specialista in problemi comportamentali, che potrà certamente aiutarvi ad affrontare la situazione in maniera corretta.
Concludiamo puntualizzando che il cane può convivere tranquillamente con i gatti "di casa", accettando di buon grado la loro amicizia, poiché li vede ogni giorno, percepisce il loro odore, assimila le loro abitudini e li riconosce come membri del suo branco, ma essere al tempo stesso molto "territoriale" con i gatti randagi che gironzolano nei suoi luoghi abituali (terrazzo, giardino, ecc.).

Convivenza tra cane e gatto


Articoli correlati

Il cane e i bambini
Vostro figlio e il cane: come affrontare serenamente il primo incontro e come insegnar loro ad andare d’accordo e a diventare amici inseparabili di gioco e di vita!

Come educare un cane aggressivo
L'agitazione e lo stress sono fra i principali elementi stimolanti dell’aggressività del cane; i consigli del veterinario per preservare la serenità del quadrupede

Giocare insieme al cane
Giocare insieme al cane è fondamentale per il suo benessere e vi aiuta a rafforzare il legame con lui

Cane che ha paura dei botti di Capodanno
Cosa si può fare per tranquillizzare il cane quando sente i botti di Capodanno e gli viene un attacco di panico?

Cane che si impone sui suoi simili con irruenza ed aggressività
Cosa fare se il cane gioca con i suoi simili in modo non appropriato? L'educatore ci aiuta a comprendere meglio le cause di un atteggiamento eccessivamente aggressivo del quadrupede.





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali