Contatti
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Il cane ride con la coda, ma anche il resto del corpo "parla"

L'espressione del muso, la postura del corpo e della coda forniscono indicazioni chiare sulle intenzioni e sulle emozioni che il nostro cane sta esprimendo

di Federico

Molti proprietari di cani saranno sicuramente d'accordo con quanto sosteneva Victor Hugo: "Il sorriso del cane sta nella coda", anche se l'espressione più comunemente usata è quella che recita: "Gli manca solo la parola!".
In realtà la parola, in nostri amici a 4 zampe, ce l'hanno eccome, e molto spesso siamo proprio noi umani a non interpretare correttamente il loro linguaggio.

Nell'interazione del cane con l'uomo, le forme di comunicazione non verbale, cioè non associate all'uso della parola, assumono un ruolo fondamentale per una reciproca comprensione. Per esempio, l'espressione del muso, la postura del corpo e della coda (con i suoi movimenti) possono fornire indicazioni chiare sulle intenzioni e, in certa misura, anche sulle emozioni che il nostro cane sta esprimendo in quel momento.

Riuscire a comunicare correttamente con lui è un requisito importante per poter impostare un rapporto equilibrato.
Il cane ha nel proprio repertorio comportamentale una vasta serie di atteggiamenti e segnali che gli permettono di comunicare in modo efficace con i propri simili e che utilizzerà anche per relazionarsi con i membri del suo nuovo "branco": gli uomini.
L'olfatto è sicuramente il senso più sviluppato: il quadrupede annusa per conoscere e socializzare. È quindi normale che in nostro cane ci "ispezioni" annusandoci ogni qualvolta ci rivede. 

Espressione del cane

La comunicazione visiva, invece, avviene tramite una mimica, che può essere solo del muso, della coda, o anche di tutto il corpo. Risulta importante osservare bene l'insieme delle posture assunte dal cane per riuscire a comprenderne lo stato emotivo:
  • Se è tranquillo ha la coda e le orecchie lasciate cadere verso il basso, con il corpo in posizione rilassata.
  • Quando assume la postura di allerta, il collo si tende, la testa e le orecchie vengono alzate, la coda è rigida e portata verso l'alto.
  • Se il cane s'irrigidisce, il pelo sulle spalle, sul collo e sulla groppa si solleva, le labbra vengono tirate indietro, le orecchie portate in avanti e la coda, rigida, viene mossa leggermente; in questo caso significa che l'approccio da amichevole sta diventando aggressivo.
  • Le labbra ancor più retratte e i denti mostrati in un ringhio significano che il cane è pronto ad attaccare.
  • La paura viene manifestata dalle orecchie all'indietro e appiattite dietro alla testa, dalla coda ripiegata tra le gambe e da testa e collo portati alla stessa altezza del piano del dorso (o anche sotto); quando si trova in questa situazione, il cane può mordere per paura, qualora venga provocato. In alcuni casi, invece, può addirittura accucciarsi ed eventualmente rotolarsi su un fianco, piegare la coda e sollevare l'arto posteriore per mostrare la pancia.
Per quanto riguarda i segnali vocali, il cane abbaia ma anche mugola, ulula, ringhia e guaisce. Abbaia come richiamo per difendere un territorio e demarcarne i confini. Il mugolio è una ricerca d'attenzione in caso di dolore o frustrazione
Il significato dell'ululato non è stato ancora ben chiarito, anche se probabilmente svolge un ruolo di coordinazione delle attività di branco.
Il ringhio esprime aggressività: è un chiaro avvertimento ad aumentare le distanze. Il guaito, infine, è tipico del cucciolo per richiamare la mamma e scompare in età adulta.

Concludiamo sottolineando la diversità della comunicazione dell'uomo verso il cane: le parole dell'uomo sono segnali "paraverbali" per il cane, cioè non viene compreso il significato di quello che si dice, ma il tono e il contesto in cui viene detto.
In altre parole, non stupiamoci se al comando "Vieni" pronunciato con un tono arrabbiato ne consegue che in nostro amico a 4 zampe faccia esattamente l'opposto; il tono della voce e la nostra postura gli stanno chiaramente indicando che potremmo non essere del tutto amichevoli!


Articoli correlati

I segnali del cane: capirli ed interpretarli
Comprendere il linguaggio corporeo del cane ed interpretare correttamente i segnali che Fido utilizza per comunicare con l'uomo e con i suoi simili

Conosci il linguaggio del cane?
Metti alla prova le tue conoscenze con un gioco facile e divertente!

Comunicare con il cane
Comunicare con il cane significa capire il suo modo di esprimersi e farsi intendere dall’animale stesso

Il Pinscher assassino
Ci assale!!! Morde!!! Non ci permette di muoverci in casa, ci aggredisce mordendoci le caviglie, abbaia appena ci muoviamo, ci impedisce di vivere!

Cane che aggredisce per paura
L'aggressività da paura è un problema da non sottovalutare; vediamo quali sono le caratteristiche comportamentali tipiche di un soggetto a rischio.





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali