Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Violenza sui cani: un metodo errato e controproducente per educarli

Con la brutalità non si educa, non si risolvono i problemi comportamentali, non si corregge la violenza, non si attenua l’ansia del cane

di Dottor Alberto Franchi

Carissimo Dottore, ho un problema con il mio cane: quando al mio rientro scopro che ha fatto la pipì sul pavimento, lo punisco (con la forza delle sgridate e con quella delle mani) ma lui non capisce nulla: anzi corre via, va in un’altra stanza e me la fa di nuovo. È un bel po’ che lo percuoto, ma non capisce ancora nulla. C’è un modo per picchiare gli animali in modo che ubbidiscano? Dopotutto mi sembra che mi faccio più male io alle mani che lui sul groppone, grazie.

Ho chiesto alla Redazione di inserire nella Rubrica con urgenza questa risposta perché sono angosciato dalle molte domande al riguardo che mi giungono anche direttamente via Internet. Prima ancora di poter diagnosticare i motivi che possano indurre il cane del lettore a sporcare il pavimento, mi preme bloccare questa comune ma immotivata e vergognosa abitudine di usare violenza sui cani (ma anche sugli altri animali e SUI BAMBINI) al fine di educarli.
Con la brutalità non si educa, non si risolvono i problemi comportamentali, non si corregge la violenza, non si attenua l’ansia (vale per bambini, gatti, cani).
Trovo inammissibile che con tutta l’informazione al riguardo, con il passaparola, con la professionalità di molti miei colleghi, con i molti canali televisivi, con le trasmissioni radiofoniche ci siano ancora così tanti proprietari di animali (e genitori, insisto) che, per ignoranza ma con convinzione, impiegano la prepotenza per indurre alla deferenza.

Violenza sui cani

L’impiego della violenza (è una forma di aggressività, non scordiamolo) porta un cane a ritenere che la combattività sia un valido mezzo di comunicazione con l’uomo: non appena lo riterrà opportuno lo impiegherà anch'esso; viene definita aggressività ridiretta.
Raggiunta la maturità e la necessaria massa corporea il cane utilizzerà la violenza come mezzo comunicativo soprattutto contro gli individui più minuti (bambini, anziani, donne) e i cani non danno due sberle: mordono!
La violenza inoltre induce un cane ansioso ad aumentare, intensificare, moltiplicare le sue manifestazioni ansiose. Può indurre un cane a deprimersi. Così invece di curarlo solo per l’ansia lo si deve curare anche per la depressione (molto più impegnativo).
I cani, infine, non collegano la punizione violenta (che mi ripugna, lo ribadisco) al danno eventualmente provocato nelle ore precedenti: per essi un vaso di Venini rotto non è un gran danno. Molte manifestazioni d’ansia vengono ritenute dai proprietari “dispetti”. Chiariamo: i cani non sono così intelligenti né vendicativi da pianificare i dispetti (nemmeno un bambino fino all’età prescolare è così acuto da progettare ritorsioni contro la mamma: si limita a sfogare hinc et nunc il suo malessere, la sua insoddisfazione, la sua frustrazione. Poi tutto passa in capo a tre minuti e corre ad abbracciare i genitori). 
Invito pertanto tutti coloro che mi leggono a cessare di infierire aggressivamente su altri animali: l’educazione, la deferenza, il rispetto si insegnano con mezzi adeguati, appropriati, civili, psicologicamente, pedagogicamente e socialmente accettabili.


Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it
   


Articoli correlati

L'ansia da separazione
Una patologia comportamentale molto frequente nel cane e altrettanto frequentamente mal curata

Il comportamento distruttivo del cane
La distruttività del cane è un problema da non sottovalutare: analizziamo le cause scatenanti ed i modi per affrontarla

Cane che ha paura dei botti di Capodanno
Cosa si può fare per tranquillizzare il cane quando sente i botti di Capodanno e gli viene un attacco di panico?

Come educare un cane aggressivo
L'agitazione e lo stress sono fra i principali elementi stimolanti dell’aggressività del cane; i consigli del veterinario per preservare la serenità del quadrupede

Ansia da separazione: come gestirla ed evitare che il cane soffra
L'ansia da separazione è un problema frequente che rende difficile la convivenza con il cane: come evitare che Fido soffra quando resta da solo





Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali