Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Sbalzi termici e raffreddore del gatto

Perché il gatto si raffredda? In che modo è possibile prevenire le ricadute? Risponde il veterinario!

di Dottor Alberto Franchi

Carissimo Dottor Alberto, con l’inizio dell’inverno la nostra gatta, pur essendo ben corpulenta, presenta tutti gli anni una ricaduta di raffreddore.
La dobbiamo sempre curare, ma non sappiamo come prevenire il fatto.
Che soffra anch’essa di influenza?
Se ne sta tutto il giorno sul termosifone e solo occasionalmente girovaga sul terrazzino. Ma quando starnutisce, che pena! E poi ci insudicia tutto il pavimento!
Ci dica lei qualcosa per evitare tutto ciò... Grazie mille. A presto!


È vero: osservare un gatto starnutire è uno spettacolo che spezza il cuore.
Questo eccellente cacciatore in miniatura, fornito di armi micidiali, dinamicità, silenziosità per agguantare la preda, viene reso totalmente inoffensivo da una ostinata rinite, associata il più delle volte ad infiammazione della gola e degli occhi.
Anche se il termine non viene utilizzato in veterinaria riferendosi alle patologie feline, i miei colleghi puristi mi vogliano perdonare se, solo per rendere più chiara l’esposizione e condurre il lettore a chiarificanti analogie, avallo il termine di influenza.

Sono vari i virus che possono infettare le prime vie aeree del gatto ed ancor più sono i batteri che intervengono a peggiorare la sintomatologia.
Le terapie fortunatamente non mancano e sono ottime, al punto che in pochi giorni si riesce a ristabilire lo stato di salute del piccolo cacciatore; ma desidero ora considerare le cause per cui molto spesso con i cambi di stagione si verifica tutto ciò e quali possono essere le cautele da usarsi, quando possibile, per una valida prevenzione.
Una volta che si è verificata una grave sindrome respiratoria, spesso, se mal curata, si ripresenta nuovamente ai cambi di stagione e di regola peggiorando di anno in anno, con l’invecchiare del gatto.
Raffreddore gatto

Ai cambi di stagione, sia per il gatto di casa sia per quello di giardino, si verificano variazioni climatiche che influiscono negativamente sulle difese naturali delle mucose delle prime vie aeree o congiuntivali ed ecco riapparire quelle lacrimazioni e quegli sbruffi, o ancora quella tosse con piccole espettorazioni che si ritenevano definitivamente debellati.
Autunno e primavera sono anche periodi di affaticamento per l’organismo in quanto c’è l’appuntamento con il totale cambio del mantello: la muta.
È bene tenere sotto controllo le abitudini ambientali dei gatti in questi periodi.

Ma a questo si aggiunge lo sbalzo di temperatura dato dalla accensione dell’impianto di riscaldamento delle nostre case e si può facilmente comprendere come le ricadute si verifichino con più frequenza, sollecitate dal troppo caldo presente in casa e l’aria ancora frizzante dell’esterno.
Consiglio allora di allontanare i gatti dalle fonti di calore domestiche, variando la loro inveterata abitudine di riposare proprio sopra i termosifoni, dove per giunta l’aria è molto secca; poi di impedire le frequenti uscite sui balconi; infine evitare un eccessivo livello di temperatura all’interno della casa: dopotutto anche per il nostro organismo non è auspicabile un elevato sbalzo termico.

Se un micio ha già sofferto di patologie respiratorie in giovane età e presenta occasionali ricadute, ebbene, allora non resta che chiamare il veterinario per bloccare la sintomatologia al più presto e rivedere con lui le abitudini ambientali del gatto.


Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it


Articoli correlati

Le malattie infettive del cane
Cimurro, gastroenterite, leptospirosi, leishmaniosi, rabbia, epatite infettiva: sintomi, diagnosi, prevenzione e cura

Le malattie parassitarie del cane: i parassiti cutanei
Pulci, zecche, rogna demodettica, rogna sarcoptica: sintomi, diagnosi, prevenzione e cura

La febbre del cane
L'aumento della temperatura del cane rappresenta un campanello di allarme da non sottovalutare

Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali
Coccidi, giardia, ascaridi, tenie, ancilostomi, tricocefali: sintomi, diagnosi, prevenzione e cura

Gatto con FIV (Feline Immunodeficiency Virus)
Il Feline Immunodeficiency Virus colpisce il sistema immunitario del gatto compromettendone il funzionamento e rendendo il felino più suscettibile a infezioni secondarie






Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali