Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Da quali tipi di persone sono attratti maggiormente i gatti?

L’atteggiamento schivo, tipico di chi rifiuta la presenza del gatto, esercita su di esso una forte attrazione: scopriamo il perché!

di Dottor Alberto Franchi

Egregio Dottore, parlando di gatti, desidero chiederle conferma di una voce che da anni sento presso amici: è vero che il gatto è attratto da persone con carica negativa? E se sì: perché? Grazie molte.

Già sulla attribuzione di una carica negativa alle persone si potrebbe discutere a lungo: voglio augurarmi che con ciò si vogliano solamente intendere le persone che non amano i gatti, quelle che li temono, quelle che diffidano di loro.
Infatti non è raro che alcuni, avendo vissuto nell’infanzia soprattutto situazioni spiacevoli o allarmanti legate alla presenza di un gatto, ne conservino l’amaro ricordo.
Voglio ricordare che molto spesso le reazioni violente dei gatti verso i bambini e gli adulti sono solo una risposta a stimoli minacciosi percepiti o ritenuti tali dall’animale.
Un fatto è certo: se un gatto si trova in un salotto, nel quale prendono posto alcuni invitati, generalmente si avvicina proprio alla persona fra i presenti che non vorrebbe avere nulla a che fare con l’animale.

La cosiddetta “percezione extrasensoriale” (di per sé una contraddizione in termini: se è una percezione deve essere sensoriale, se non è sensoriale non è una percezione) non è certamente responsabile di questo comportamento: si è potuto sperimentalmente apprendere che è proprio l’atteggiamento schivo, tipico di chi rifiuta la presenza del gatto, ad esercitare su di esso una forte attrazione.
In primo luogo perché il felino rifugge dal clamore e dal gesticolare spesso agitato di chi intende manifestargli simpatia; sta alla larga da chi, per affetto s’intende, gli sgrana gli occhi addosso fissandolo o ritraendo le labbra mima inconsciamente un segnale d’aggressione per i carnivori (ma di sottomissione ed arrendevolezza per i primati, che manifestano invece l’aggressione al contrario: protrudendo le labbra in avanti).
Gatto

A questo posso aggiungere che ad attrarre il micio è il comportamento calmo, silenzioso, quasi deferente tenuto generalmente da chi non vuole relazionarsi con l’animale; anche lo sbattere frequentemente le palpebre, manifestazione tipica di nervosismo nell’uomo, viene percepito come un invito positivo alla relazione da parte del gatto, dato che risulta essere l’esatto contrario dello sguardo diretto e fisso tipico dell’atteggiamento aggressivo o di sfida.
Chi soffre di ailurofobia, in questo modo un po’ strano viene definita la paura dei gatti, senza avvedersene offre all’animale quei segnali che lo rilassano, lo invitano ad avvicinarsi, rendendogli accattivante il contatto: ecco perché chi non desidera il gatto sulle ginocchia in un balzo se lo ritrova, sornione, addosso.
Inoltre varie tradizioni, anche molto antiche, vogliono farci considerare i gatti come animali negativi, legati addirittura alle streghe ed alla magia nera: cosa devono sopportare queste creature a causa delle fantasie umane!

Anticamente, in Egitto, il gatto era stato portato agli onori degli altari: in un paese dalla forte connotazione agricola, in cui le granaglie venivano stivate nella stagione dei raccolti con frequenti rischi di contaminazioni da parte di roditori, è facilmente comprensibile di quale entità dovesse essere il riconoscimento della funzione di sorveglianza fornita dai gatti.
Metodicamente, da sempre, le nuove religioni desiderano demonizzare le vecchie divinità (il cristianesimo ne è un chiaro e ricco esempio); quindi anche i gatti sono divenuti con il passare dei secoli l’icona del negativo, superstizione rafforzata dalla natura di cacciatore notturno e dai forti richiami amorosi che le femmine lanciano nella notte.

Nulla di negativo, pertanto, e tantomeno di soprannaturale nella natura del gatto: anche le “percezioni extrasensoriali”, falsamente attribuite ai mici, vengono via, via smascherate e spiegate dai nuovi studi e dalle sperimentazioni compiute dagli etologi.
Sarebbe troppo comodo, elusivo e fuorviante attribuire, a tutto ciò che non è spiegato dalla scienza, dei poteri magici: molti meccanismi comportamentali e molte facoltà sensoriali dei gatti sono ancora oggetto di ricerche interessanti e ci potranno in un prossimo futuro fornire ulteriori spiegazioni sulle qualità del nostro piccolo amico.


Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it


Articoli correlati

Cane e gatto: non sempre la convivenza è facile da gestire
I pericoli di una convivenza forzata tra cane e gatto ed i consigli per una corretta socializzazione

Me la faccio addosso dalla paura!
Defecazione ansiosa: un grave problema comportamentale del cane

I cani viziati diventano aggressivi e poi temuti dai proprietari
Una vera testimonianza di come un cane viziato possa diventare aggressivo nei confronti del proprietario e di altre persone

Penelope, gatta indipendente, decide di confidarsi con me!
La gatta si considera indipendente dalla famiglia che la ospita, pertanto non si concede, anzi graffia e morde i proprietari che desiderano coccolarla

Cane che ha paura dei botti di Capodanno
Cosa si può fare per tranquillizzare il cane quando sente i botti di Capodanno e gli viene un attacco di panico?






Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali