Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






Professioni cinofile fai da te… No grazie!

La competenza è un requisito essenziale per esercitare una professione cinofila e si acquisisce con lo studio e la pratica

di Anna Giulia Amato

Diventare educatori o tecnici in professioni cinofile va molto di moda e, purtroppo, ci si imbatte molto spesso in esperti "FAI DA TE".
Leggere libri, seguire con passione trasmissioni televisive di successo o aver partecipato all'educazione del cane del vicino di casa o della zia, non sono affatto requisiti sufficienti per esercitare tali professioni.
Alla base di ogni tipologia di lavoro deve esserci competenza!
Vi fidereste di un dentista che si è formato su fascicoli acquistati in edicola? Credo la risposta venga da sé...
Tale requisito essenziale si può acquisire esclusivamente con lo studio e la pratica, soprattutto se ci si confronta con esseri viventi che comunicano con noi in "un'altra lingua".

Il cane ha imparato a sopravvivere in un mondo complesso, un mondo che non ha più il suo habitat naturale, ed ha magnificamente appreso il nostro difficile e spesso contraddittorio linguaggio.
Noi, invece, spesso non sappiamo decifrare i suoi messaggi.
La comunicazione di un cane è composta per lo più da segnali odorosi e chimici, mimica corporea ed infine da una, non particolarmente vasta, gamma di vocalizzi.
Non basta, quindi, sapere che il ringhio è preludio di un'aggressione; tale suono infatti, espresso con intonazione differente e posture particolari, potrebbe voler dire: "Mi sto divertendo molto a giocare così".

Per ciò, se mancano tali informazioni, come si può intervenire per rendere migliore il rapporto cane-proprietario o risolvere un eventuale problema tra i due?
Studiare cinologia, biologia, psicologia, genetica, veterinaria, legislazione, tecniche di addestramento e tutto ciò che attiene il corpo, la mente e la socialità dei nostri amici a 4 zampe è ciò che costituisce il minimo bagaglio culturale per chiunque si avvicini a tali mestieri.
Il restante, ma altrettanto imprescindibile requisito per avere competenze adeguate, è composto da anni di esperienza pratica ed osservazione del comportamento animale.
Professioni cinofile

La formazione deve essere svolta frequentando scuole riconosciute da associazioni di categoria a livello nazionale come l'APNEC (Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili), la FISC - CNS LIBERTAS o lo CSEN (Enti di promozione sportiva legati al CONI) o l'ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana).
Dopo aver frequentato i corsi di formazione professionale si devono superare gli esami di qualificazione (scritto, orale e pratica) ed ogni anno si richiede di partecipare obbligatoriamente a corsi e stage per garantire un costante aggiornamento ed aumentare le competenze.
Tutto ciò viene richiesto per garantire la qualità del servizio che vi viene offerto.
Quindi, prima di intraprendere un percorso educativo, rieducativo o sportivo, è assolutamente fondamentale informarsi sulle credenziali del collega che vi accompagnerà; evitare il fai da te è importante per la vostra sicurezza!

Non affidatevi al consiglio dell'amico che ha portato il suo cane in un centro cinofilo o dell'esperto che in tv sembra faccia meraviglie... 
Ogni cane è diverso: le reazioni, il carattere ed il contesto debbono essere valutati da persone competenti caso per caso.
Nessun professionista ha la bacchetta magica, i cani non hanno interruttori e non vengono forniti di libretto di istruzioni d'uso.
Diffidate assolutamente da chi vi assicurerà di risolvere tutto in brevissimo tempo o vi costringe a seguire interminabili pacchetti di lezioni senza fornire chiare e inconfutabili motivazioni sul suo operato.
Per ognuno andrà impostato un percorso differente in base all'età, alle caratteristiche di razza ed al carattere, al tempo che voi proprietari potrete dedicare al lavoro quotidiano con il vostro amico peloso e soprattutto alla richiesta che farete o al problema da affrontare.

Non meno importante e da non sottovalutare è anche la preparazione dei Dog Sitter: vengono organizzati corsi di formazione professionale per chi dedicherà il suo tempo a far uscire e giocare il vostro cane in sicurezza.
Fate quindi attenzione a chi affidate il benessere fisico e mentale del vostro compagno!


Anna Giulia Amato
Educatrice cinofila e Consulente comportamentale
Consigliere Regionale APNEC Lazio
Tecnico Educatore III Livello CNS Libertas
Staff Just Married (with) Dog
e-mail anna_giulia79@yahoo.it
Telefono 392 6947454 


Articoli correlati

L'addestramento del cane
Obedience, Agility, Disc dog, Flyball, Mondioring, Utilità e difesa, salvataggio in acqua, ricerca tra le macerie: analizziamo in dettaglio le varie discipline di addestramento

L'educazione del cane
Impariamo a comunicare con il cane per lavorare sulla sua educazione e a gestire correttamente il rapporto con lui attraverso i consigli dell'educatore

Cane che si impone sui suoi simili con irruenza ed aggressività
Cosa fare se il cane gioca con i suoi simili in modo non appropriato? L'educatore ci aiuta a comprendere meglio le cause di un atteggiamento eccessivamente aggressivo del quadrupede.

Cane che aggredisce per paura
L'aggressività da paura è un problema da non sottovalutare; vediamo quali sono le caratteristiche comportamentali tipiche di un soggetto a rischio.

Cane iperattivo: cosa fare?
La castrazione può attenuare l'iperattività di un quadrupede? Rispondono gli educatori esperti in problemi comportamentali del cane!






Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali