Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






I fiori di Bach per il cane

Alcune considerazioni del veterinario sui fiori di Bach come terapia alternativa per la cura del cane

di Dottor Alberto Franchi

Caro Dottore, qual'è la sua opinione in merito alla somministrazione di Fiori di Bach specificatamente ai cani?
Ritiene che le essenze ricavate da quelle piante possano giovare alla loro salute? Possono sostituire la medicina classica?
Grazie, spero di leggere la sua opinione sul sito.


La pressante propaganda riguardo i fiori di Bach è fuorviante perché induce l’inesperto a ritenere che la “terapia” con i fiori di Bach si fondi su estratti vegetali influenzanti lo stato di salute o di malattia di un soggetto.
Che molecole vegetali possano condizionare gli organismi è ampiamente documentato da millenni di storia umana e documentabile in ogni momento mediante sperimentazione farmacologica (atropina, digitale, nicotina, curaro, pilocarpina, coca, efedrina, oppio, stricnina, cannabinolo).

In realtà la cosiddetta terapia alternativa con i fiori di Bach non sfrutta, né si avvale di sostanze estratte dalle piante, ma metafisicamente utilizza supposte "vibrazioni cosmiche" che le parti di tali fiori, recise dalla pianta, trasmetterebbero alle molecole d’acqua in cui vengono immerse.
Il paziente è quindi tenuto a sorbire anche per via percutanea alcune gocce di tale preparato acquoso (che comprende anche piccole parti di Brandy!) come rimedio per i propri sintomi.
La supposta attività non è, ovviamente, dose-dipendente.
Appare quindi sempre più chiaro, man mano che ci si informa al riguardo, che non di terapia si tratta, ma esclusivamente di credo religioso, di fede mistica, di ricerca del trascendente.
Molto spesso mi trovo a visitare animali che, a seguito di svariati approcci metafisici, si trovano in condizioni assai gravi, non fosse altro che per il cronicizzarsi della patologia in corso.
Ovviamente non posso scagliarmi contro tali teorie: non riguardano la scienza, né la medicina.
Solamente la metafisica, la filosofia, il credo di chi le propugna e le applica.

In nessun caso i rimedi metafisici, trascendenti, fideistici, mistici detti fiori di Bach hanno superato la prova scientifica del doppio cieco e la medicina non può che ascrivere eventuali “guarigioni” ottenute a seguito di tali somministrazioni ad un ordinario effetto placebo.
Parimenti ottenibile sperimentalmente attraverso l’acqua di fonte, gli zuccherini colorati, un bicchiere di Lambrusco, le preghiere e gli atti votivi a questa o quella divinità…absit injura verbis.

Cane cucciolo

Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it
  


Articoli correlati

Ascaridi: i parassiti più frequenti nei cani
Cosa fare quando ci si accorge che il cane ha questi parassiti intestinali? Gli ascaridi possono costituire un problema per la salute dell’uomo?

Come curare l'artrosi del cane
L’artrosi è una malattia delle articolazioni che tende a peggiorare con il passare degli anni e che accompagna l'animale per tutto il corso della sua vita

La filariosi sottocutanea: una patologia emergente
Accanto alla più nota filariosi cardio-polmonare, il cane può essere colpito anche dalla filariosi sottocutanea, causata dal parassita Dirofilaria repens

Le malattie parassitarie del cane: i parassiti cutanei
Pulci, zecche, rogna demodettica, rogna sarcoptica: sintomi, diagnosi, prevenzione e cura

Quello che non si può chiedere ad un veterinario via Internet
Il veterinario on-line è una figura sempre più richiesta dagli utenti: ma quali sono i limiti via web? Come usufruirne correttamente?






Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali