Contatti
Login
Inserisci la tua attività
Tutto quello che cerchi per il tuo cane... in un solo click!
 






L'alimentazione del gatto

I consigli del veterinario per alimentare correttamente il gatto

di Dottor Alberto Franchi

Buongiorno Dottore, vorrei sapere qual'è l’alimentazione più idonea per una gattina di due mesi circa. La ringrazio e cordialmente la saluto.

Questa domanda così semplice racchiude l’essenza della corretta gestione di un animale di casa. Da 26 anni nei miei ambulatori riferisco che per allevare nel modo migliore un animale è necessario richiedere ed ottenere informazioni corrette su: alimentazione, igiene, comportamento.
La mia risposta non può che essere per sommi capi, dato che in caso contrario invaderei tutte le pagine di questo sito.

Il gatto è un animale che in natura si ciba frequentemente di piccoli pasti (quando cattura una preda). È un cacciatore solitario, prevalentemente notturno.
Un gattino di due mesi ha un fabbisogno energetico molto elevato: accrescimento corporeo e attività motoria frenetica ed incessante.
È consigliabile pertanto proporre al micio piccoli pasti, riproposti nelle 24 ore.
Da un punto di vista comportamentale consiglio di lasciare la ciotola a disposizione per 10 minuti e poi ritrarla. Il gattino si abituerà ad essere riconoscente verso chi lo nutre: è il primo passo per raggiungere la deferenza.

Alimentazione del gatto

L’alimento che preferisco è il secco (croccantini). Non si altera una volta somministrato, non risente di errori termici nella somministrazione, non “impasta” i denti e le gengive, pertanto allontana il problema della parodontosi.
L’alimentazione domestica (con cibi della nostra dispensa) non è da scartare a priori: ma richiede una corretta informazione da parte di un veterinario nutrizionista e implica una certa disponibilità di tempo per la preparazione.
Consiglio di giocare con l’animale piuttosto di passare ore a cucinare per lui.

Il gattino deve abituarsi a ricevere l’alimento solo nella propria ciotola, nello stesso posto, ad orari regolari: senza elemosinare cibo dalla tavola, dalle mani del proprietario e senza porsi miagolando dinnanzi al cassetto dei croccantini, facendone pressante richiesta.
Dal punto di vista comportamentale è infatti rilevante che il micio non si abitui a richiedere il cibo (e ad ottenerlo a seguito della pressante richiesta), ma lo attenda rilassato quando il proprietario decide di porgerlo.


Dottor Alberto Franchi medico veterinario a Verona
Ambulatorio Veterinario Borgo Venezia - Via Felice Casorati 19 - Verona 
Ambulatorio Veterinario Borgo Trento - Via Vittorio Locchi 32/a - Verona
Telefono 347 9729098
e-mail vetverona@gmail.com
www.veterinarioaverona.it
  


Articoli correlati

Se il cane non mangia
Perché il cane non mangia? Cause e rimedi per l’inappetenza canina.

I gusti sofisticati del gatto
Perché il gatto odora con cautela la sua ciotola e si mostra diffidente nei confronti del cibo? Perché sembra disgustato da alcuni alimenti?

Integrare i croccantini del cane: si o no?
I consigli del veterinario riguardo la corretta somministrazione del cibo secco e la sua integrazione con liquidi e prodotti carnei

Alimentare correttamente un cucciolo esigente per il cibo
Se il cane rifiuta il cibo industriale, l’alimentazione con i prodotti casalinghi può essere una valida alternativa?

Differenze fra l'alimentazione del cane e del gatto
I consigli del veterinario per una corretta somministrazione dei pasti al cane e al gatto






Top articoli

Il vomito nel cane: le cause e i rimedi
Trasportare il cane in automobile: cosa dice la legge
Pronto soccorso veterinario 24 ore su 24
Le piante tossiche per il cane
Le malattie parassitarie del cane: i parassiti intestinali